venerdì 28 aprile 2017

Ancora sul chapati ed il pane azzimo





Il chapati ed anche, per chi ha il tempo e la voglia di farlo, il pane azzimo, sono due strumenti fondamentali per il benessere di fegato e stomaco.
I lieviti rendono molto più difficile il lavoro di questi due organi, mentre accolgono con estermo piacere l'arrivo di farina senza aggiunte di lieviti (che siano bicarbonato, pasta madre o lievito di birra allo stomaco poco importa).
Svariate persone che pensano di soffrire di intolleranza al grano, di fatto, soffrono di intolleranza ai lieviti, che è diffusissima.
Ma anche senza parlare di "intolleranza", nessuno stomaco festeggia quando si vede arrivare del lievito. Proprio nessuno. E, ripeto, la pasta madre è un lievito.
Proprio ieri è venuta a trovarmi una persona con un serio problema al fegato. Sta inziando la DETOX, la cosa che l'ha più colpita (era solo al secondo giorno) era che, mangiando il chapati, non sente più il fastidioso gonfiore allo stomaco che sentiva ad ogni pasto. Un risultato istantaneo semplicemente grazie all'abolizione del lievito.
...quindi...buon chapati a tutti!
Niki

lunedì 24 aprile 2017

Investimenti!





In questi giorni sto lavorando intensissimamente, con la supervisione di La-je Dawa (nel senso che ogni due per tre gli telefono per puntualizzare questo o quello, sto diventando un incubo, povero!), alla stesura delle diete dimagranti (che saranno 3).
Diete dimagranti che veramente si prenderanno cura delle persone, che non causeranno squilibri, anzi, miglioreranno la salute di chi le farà. E saranno anche più efficaci e veloci di quelle che trovate in giro adesso.
La cosa mi sta entusiasmando, più approfondisco con La-je e più mi entusiasmo.
Per creare queste diete, durante il ritiro dovrò cucinare molto... e anche comperare ingredienti che normalmente, dato le mie esigue risorse finanziarie, non rientrano nelle mie possibilità.
Per questo ringrazio tutte le persone che stanno comperando l'e-book! Anche grazie al vostro contributo potrò prendere ingredienti per me normalmente inarrivabili come il pesce, la carne, il petto di pollo, certe verdure!
Fantastico!!!!!!!
... com'è che dicono? Nente succede per caso!
Buona giornata!!!!!!
Niki

giovedì 13 aprile 2017

Ci vedo di nuovo!!!!!



Fare la DETOX per i 15 giorni regolamentari, si, ok, lo sapevo che è importante, ma non mi ero davvero resa conto quanto. Non fino in fondo.
A parte i complimenti di chi mi ha vista dopo un mese e che si è accorto sia che sono dimagrita, sia che le mia pelle è migliorata in modo notevole... la cosa veramente degna di nota è che....ci vedo di nuovo!!!!!
Dopo 5 giorni di dieta mi ero resa conto che gli occhiali mi davano fastidio. Ma a 57 anni.... insomma, cosa avreste pensato? Io ho pensato, mannaggia, adesso mi tocca comperarmi degli occhiali più forti!!!!!
Poi il pomeriggio prima di partire per il tour de force toscano mi ero concessa due ore di relax sul terrazzino, leggendo un e-book. Ad un certo punto mi hanno chiamata i bambini e ho messo giù il libro per seguirli. Ritorno sul terrazzino e riprendo in mano l'ebook...sopprapensiero. Riprendo a leggere.... e dopo 10 minuti mi rendo conto che... sto leggendo SENZA OCCHIALI! Dopo di che mi arriva un messaggio sul cellulare....  lo leggo SENZA OCCHIALI!!!!!!!!!!
Chiedo a Dawa e lui mi guarda con sufficenza e mi fa, ma io te lo avevo detto che è una dieta potente.  Si ok, però recuperare la vista dopo due settimane di dieta, insomma, è un regalo inaspettato. Anche perché io sono una che cura molto il cibo e la salute. Però, in questi ultimi due anni e mezzo ho avuto molte situazioni stressanti e lo stress genera tossine nel corpo....e io non avevo il coraggio di fare la detox, troppi ricordi dolorosi.
Invece, per merito di Milena, l'ho fatta e mi ritrovo con questo regalo inaspettato! ... Non sapete che soddisfazione!!!!!!!!

Aggiornamenti sull'e-book della dieta: dove come averlo




Dunque, sono tornata ma ho avuto un delirio di giornata anche oggi.
Avevo impaginato l'ebook ma ho fatto dei pasticci, per cui va impaginato di nuovo... ragazzi... era il mio primo e-book e c'era da giurare che avrei fatto dei pasticci!!!!!!!
Per cui sto reimpaginandolo.
Nel frattempo sono nate nuove esigenze, tipo quella, diffusissima, di avere la DETOX per chi ha poco tempo... quindi mi sa che PRIMA impagino l'ebook "tutto sotto i 20 minuti".... e poi rifaccio quello classico. Questione di giorni, non di mesi, giuro!
Poi il resto delle ricette, antipasti, pesce ecc. usciranno in fascicoli, in modo da dare ricette fruibili a chi le vuole in tempi brevi (so di essere un disastro informatico e lenta nel fare le cose).
Appena un e-book sarà pronto ve lo dico e vi dico anche il costo, che sarà molto contenuto. Potrete richiederlo via e-mail a questo indirizzo:



Per pagarlo potrete usare Paypal :



Oppure usare il mio postepay o IBAN che vi darò via email. Tutto chiaro?
Mi scuso per questo sistema casalingo ma è il massimo che riesco a fare!!!!!!!!!! Portate pazienza, la DETOX funziona alla grande... però la sua creatrice è una dislessica dell'informatica!


Come Fare il Chapati (pane indiano non lievitato)

Il chapati è fondamentale per la Tibetan DETOX, perché i lieviti sono alimenti assolutamente proibiti se si vuole disintossicare il fegato. 
Fare il chapati è semplicissimo, però è importante avere a disposizione la sequenza delle foto, senza quella vengono un sacco di dubbi. L'impasto non va mai salato. Se lo fate per persone che non devono seguire la DETOX e che odiano mangiare senza sale, aggiungete il sale SOPRA al chapati, quindi pressatelo nell'impasto con il matterello. 
Non riesco a seguire tutte le richieste del pdf fotografico in tempi umani, quindi lo pubblico qui. Buona preparazione!
p.s. Non sempre il chapati si gonfia come un palloncino. Spesso fa solo delle bolle, ma va bene uguale. Se usate farine pesanti come le farine integrali (l'atta indiana è integrale ma macinata diversamente dalle nostre) o farine povere di glutine il chapati resterà duretto e gonfierà poco sicuramente. Cercate di trovare le misture di farine che vi piacciono di più. Per quello che mi riguarda io lo faccio con farina bianca o con una mistura di 50% farina bianca e 50% farro o enkir.

Strumenti necessari:
1 ciotola
1 matterello
1 padella antiaderente


Tempo di preparazione: 5'
Tempo di cottura: 3/4 minuti per chapati



Ingredienti: 
farina
acqua


Procedimento:
Le proporzioni degli ingredienti per fare il chapati in India, sono una tazza di atta (circa 130 grammi) per mezza tazza di acqua (125 ml). Il problema è che queste porzioni sono valide solo se si usa l'atta, che è una farina indiana particolare. Ti suggerisco, pertanto, di fare come faccio io: aggiungi l'acqua poco a poco, per poter così capire quanta ce ne vuole. Versa la farina in una ciotola e aggiungi l'acqua poco a poco, impastando. 




Quando l'impasto è ben lavorato e liscio, non appiccicoso, vuol dire che è pronto. Se è ancora appiccicoso, aggiungi un altro po` di farina e continua ad impastare fino a quanto non raggiungi il risultato desiderato. E’ molto importante per la riuscita del chapati che l’impasto sia bello elastico.
L'impasto va lavorato molto bene, e deve essere abbastanza umido. Se non trovi necessario infarinare il piano vuol dire che l'idratazione dell'impasto non è sufficente.
Copri l'impasto con uno strofinaccio umido e lascialo riposare mezz'ora (non è necessario, ma se lo fai otterrai un miglior risultato).
Dopo 30 minuti, prendi l'impasto, forma una specie di salsiccia e tagliala in pezzi delle stesse dimensioni, grandi quanto una clementina o un lime. Dai ai pezzi di impasto una forma rotonda.



Schiaccia le palline di impasto con il palmo della mano, passale nella farina e spianale con un matterello. Devono risultare sottili e rotondeggianti.



Riscalda una padella antiaderente. Spruzzaci qualche goccia d'acqua: se le gocce sfrigolano, significa che la padella è sufficientemente calda.
Metti in padella il primo chapati.

Non appena iniziano a formarsi delle piccole bolle sulla superficie del chapati, giralo con una spatola di legno (puoi anche farlo con una forchetta, ma facendo molta attenzione a non pungerlo, perché se lo pungi il chapati non si gonfierà più).
  


Dopo averlo girato, in breve, altre bolle, più grandi, si formeranno sulla superficie del chapati. Giralo di nuovo.




Continueranno a formarsi delle bolle, fino a che tutto il chapati si gonfierà, come un palloncino ( non succede sempre, spesso non va oltre la fase “grosse bolle” ma ve bene uguale).
Nel frattempo, avrai preparato un piatto e lo avrai ricoperto con un tovagliolo di stoffa o uno strofinaccio. Man mano che i chapati saranno pronti, li adagerai sul piatto tenendoli al caldo dentro lo strofinaccio piegato. Alla fine chiuderai lo strofinaccio sopra i chapati, che in questo modo si manterranno soffici e caldi fino al momento di servire.



Il risultato dipende in gran misura dalla qualità della farina utilizzata. Ad esempio, in un paese sudamericano, inizialmente era difficile per me ottenere un buon chapati, ma se insisti, avrai un buon risultato persino con quella pessima farina, come sono riuscita ad averlo io.
Per un miglior risultato, devi fare vari tentativi. Come succede per tutti le preparazioni semplici, la loro esecuzione non è così semplice all'inizio, ma in poco tempo diventerai un esperto!
Se i chapati non si gonfiano a palloncino, ma vi si formano solo delle grandi bolle, va bene ugualmente.
Se, invece, non si gonfiano affatto, o solo un pochino, potrebbe essere dovuto a:
- troppa acqua nell'impasto
- troppo poca acqua nell'impasto
- la padella non era abbastanza calda
- la padella era troppo calda, e il chapati si è bruciacchiato troppo rapidamente in alcuni punti, si è rotto e così il vapore che avrebbe dovuto farlo gonfiare ne è fuoriuscito.

Ma ti assicuro, così come io sono riuscita a preparare il chapati, anche tu puoi farlo, e ti piacerà molto!
Pdf gratuito da http://tibetandetox.blogspot.it/ 




lunedì 3 aprile 2017

Da Milena con amore :)



Stavo giusto parlando con Milena, la M. della dieta (mi ha autorizzata a mettere il suo nome) e ci siamo tutte e due rammaricate di non aver fatto la foto "prima e dopo" perché sarebbe stato impressionante.
Mi stava dicendo di come sia cambiato il suo modo di vedere il cibo. Esattamente il traguardo che la-je Dawa ed io volevamo raggiungere, cominciare ad educare al vedere, gustare, sentire il cibo in maniera diversa. Milena mi ha fatto l'elenco (correttissimo) delle cose che sente il bisogno di eliminare in maniera definitiva dalla sua dieta.
Mi ha detto di come si sente più energetica, di come, per usare le sue parole, "vola" nel fare le cose. Non solo per i chili persi, ma anche per l'energia rinnovata (un fegato sofferente fa sentire sempre stanchi).
E infine un messaggio a tutte le signore "di una certa età" da Milena. Le vamapte notturne, che le rendevano quasi impossibile dormire, si sono ridotte drasticamente dopo la prima settimana di Tibetan DETOX. Adesso ne ha solo una, leggera, ogni notte. Così leggera che butta una delle coperte e si riaddormenta subito.

Sono molto orgogliosa di Milena! E' stata proprio bravissima! 

domenica 2 aprile 2017

Quindicesimo ed ultimo giorno di DETOX: tiriamo le somme





Arrivate all'ultimo giorno di Tibetan DETOX tiriamo le somme.
E' interessante perché ci sono, nemmeno lo avessi voluto fare apposta, due tipologie estreme di persone.
M. che è una forte mangiatrice e che aveva una notevole intossicazione al fegato e io, che mangio moderatamente e in maniera corretta dal punto di vista delle mia costituzione energetica, con qualche sgarro qui e là. Quindi poco intossicata. Che, però, come tutti, subisco stress, e lo stress genera tossine...

Dalla parte di M.
- La tibetan Detox l'ha stupita, credeva di soffrire (è una buona forchetta) e invece ha mangiato bene e in quantità soddisfacente. Le ricette l'hanno soddisfatta.
- Ha avuto episodi iniziali molto pesanti con nausea, emicrania e sfoghi della pelle. Spariti senza lasciare traccia e senza assunzione di farmaci.
- Per i primi 10 giorni la lingua le era diventata bianca, adesso ha un bel colore roseo
- Cellulite: diminuita in modo sensibile
- Gonfiore addominale e del viso: spariti
- Pelle asfittica: è diventata molto più chiara e luminosa. Non perfetta, ma la differenza da prima è impressionante.
- Mal di testa leggero di sottofondo: scomparso
- Ha perso più di 5 chili
- Il colore della cornea si è schiarito.

Le feci tuttora molto puzzolenti fanno pensare che l'intossicazione non sia ancora smaltita del tutto, per questo motivo M.ha deciso di proseguire la DETOX per altri 4 o 5 giorni. Si sente molto meglio e pensa che seguirà il consiglio di La-je Dawa e ripeterà la DETOX due volte l'anno.
Anche le valanghe di complimenti dai conoscenti (compresa l'estetista che è sconvolta da quanto è migliorata) l'hanno molto soddisfatta.
Mi ha confidato che si sente così meglio che.... è riluttante a mollare la DETOX!


Da parte mia.
- Ho avuto sono due episodi di emicrania, di cui il primo forte e che è durato tutta la notte, il secondo leggero. Anche una mattinata di nausea leggera. Feci puzzolenti per due giorni e lingua bianca per 5.
- Anche la mia cellulite è diminuita in modo sensibile. Certi giorni il calo era evidente dalla sera alla mattina.
- La cornea è quasi azzurrina.
- Il tono della pelle è migliorato ed è come se avessi fatto un peeling profondo, rendendola più luminosa.
- Ho perso due chili.
- Considerato che questo, per me, è un periodo pesante e sono stanchissima, direi che... sono meno stanca di quanto dovrei essere, che è già qualcosa.
Essendo partita con una condizione di intossicazione minima del fegato per me i 15 giorni canonici sono sufficenti. Da domani torno alla mia dieta normale.

Cosa è mancato di più a M.: la brioche del mattino.
Cosa è mancato di più a me: il caffè.