venerdì 7 luglio 2017

Il SITEMA Tibetan DETOX e le ricette.




A volte le persone si meravigliano perché alcune ricette della Tibetan DETOX sono simili (o quasi indentiche) a ricette che loro conoscono.
Bene. La funzione di questa dieta è disintossicare il fegato, e così facendo, migliorare la salute di tutto il corpo. Non è proporre ricette nuove o esotiche. E' far stare bene attraverso un sistema di alimentazione che da un lato non affatica fegato e stomaco, dall'altro li cura proprio.
Tibetan DETOX non è un libro di ricette per sperimentare gusti nuovi. Anche se potete trovare al suo interno ricette interessanti e non scontate. Tibetan DETOX è un modello di alimentazione che funziona come cura o come prevenzione (se fatto periodicamente).
Richiede una certa sensibilità e attenzione non solo per gli ingredienti ma anche per i metodi di cottura, perché anche solo una cosa apparentemente innocua come un soffritto non va bene per la DETOX. Soffriggere la base di un sugo, o tirarla a cottura lentamente, con pochissimo olio d'oliva e poca acqua che si aggiunge a mano a mano, cambia completamente la natura energetica del piatto.
La scelta di ingredienti facili, ordinari, è assolutamente voluta. Le combinazioni di cotture ed ingredienti nei piatti, sono state scelte per la loro bontà sia dal punto di vista del gusto ma SOPRATTUTTO dal punto di vista della disintossicazione del fegato.
Detox deve essere il più facile possibile.
Già l'esclusione di TUTTI gli alimenti pronti la rende complessa, non c'è bisogno di complicarla ulteriormente.
Per chi non ha la fortuna di vivere in un paese con tanti ingredienti come l'Italia, ci sono gli ingredienti sostitutivi (per fortuna ho vissuto e cucinato in tre continenti) proprio per rendere le cose più semplici.
Quindi non meravigliatevi se troverete la ricetta degli zucchini in tegame (alleggerita). Quello che potete imparare con noi è un sitema per avere una vita più sana mangiando in modo gradevole, non siamo Master chef, e ne siamo felici!

mercoledì 5 luglio 2017

Considerazioni (un po'ma... neanche tanto) fuori tema




Una delle cose che amo nel lavorare con Amji Dawa è che, con lui, il cibo ha un nuovo valore, un peso diverso.
Anzi, per essere più precisa, ritrova il suo antico valore, quello di preservare la vita.
La nostra società è così snaturata che il cibo ha perso il senso "sacro" della preservazione della vita. E' diventato "un'esperienza", un divertimento, un mangiare ingredienti combinati per stupire o immondizia resa appetibile da tonnellate di sostanze chimiche.
Con questo lavoro io ritrovo la gioia del cucinare. Perché per me cucinare è sinonimo di prendersi cura. Di sé stessi se si è soli, dei nostri cari se siamo così fortunati da avere una famiglia.
Nella DETOX, ma anche nelle diete che seguiranno (portate pazienza, non riesco proprio a lavorare sulle diete dimagranti, sono troppo stanca, lo farò a ritiro terminato), il cibo ritrova la sua funzione, torna ad essere, come dicono gli indiani "prasad" un dono sacro.
Perchè ognuno di noi è prezioso ed ognuno di noi merita di vivere al meglio, sia come salute fisica che mentale. E Pen-ze è proprio questo che vuole ottenere, rendere il cibo un mezzo di benessere e di gioia per corpo e mente.
...per questo lavoro sempre duro per creare o modificare ricette in modo che siano gradevoli. Se vogliamo trasformare il cibo da una cosa triviale ad una preziosa, va fatto con sapori piacevoli.